Agenda OdV

Relazione Annuale OdV - 2016

Il presente documento rappresenta il momento di sintesi delle diverse attività condotte dall’Organo di vigilanza nel 2015, nonché un bilancio definitivo dell’attività svolta dal Board nell’ultimo triennio e il cui mandato si concluderà il 31 maggio 2016.

 

ra2016.png

Scarica la relazione annuale 2016

PDF 5.8 Mb

 

La relazione, inoltre, si pone come obiettivo quello di rappresentare un’analisi complessiva, sia pur in termini sintetici e non esaustivi, della trasformazione tecnologica e regolamentare che ha caratterizzato il settore negli ultimi anni descrivendo, nel contempo, le azioni e le iniziative che l’Organo di vigilanza ha intrapreso per rispondere con adeguatezza alla crescita dei bisogni del mercato e ai mutamenti evolutivi del contesto in cui esso si è trovato ad operare.

L’impianto espositivo del presente resoconto descrive il quadro degli interventi dell’Organo di vigilanza, la cui azione si è dispiegata nell’ambito della nuova cornice regolamentare definita dall’Autorità di settore, intervento che ha caratterizzato l’anno appena concluso e che ha visto aumentare e garantire una maggiore autonomia e indipendenza dell’OdV a tutela di tutti gli Operatori realizzando, in tal modo, le condizioni a contorno per una accresciuta vigilanza della parità di trattamento interna-esterna.

Parimenti, nel 2015 si è assistito ad un’accelerazione delle azioni legislative e regolamentari tese a favorire lo sviluppo delle infrastrutture nel mercato delle telecomunicazioni; nello specifico, con il Piano nazionale Banda Ultralarga il Governo si è posto come obiettivo quello di azzerare, in tre anni, il gap accumulato dal nostro paese con il resto dell’Europa portando all’85% della popolazione una rete di almeno 100 mbps, grazie ad un investimento pubblico-privato di 12 miliardi di euro da qui al 2020.

Con riguardo ai compiti e alle funzioni dell’Organo di vigilanza, come si diceva, il 2015 ha rappresentato un anno di cambiamento della propria struttura istituzionale e della propria governance, nonché di rafforzamento e ampliamento delle proprie competenze e dei propri ambiti di intervento.