Agenda OdV

Relazione Annuale OdV - 2019

La presente Relazione annuale illustra le attività svolte e i principali risultati raggiunti nel 2018 dall’Or- gano di vigilanza sulla parità di accesso alla rete TIM (OdV) nell’ambito della tutela dei principi di non discriminazione e parità di trattamento.

 

ra19-01.png

Scarica la relazione annuale 2019

PDF 2.02 Mb

 

L’anno in questione ha rappresentato il primo periodo di attività del Consiglio nominato nel dicembre 2017, durante il quale si è consolidata l’attività dell’OdV secondo tre direttrici fondamentali.

Accanto alla tradizionale vigilanza sull’attuazione degli “impegni” relativi alla parità di trattamento di TIM, di cui alla Delibera n. 718/08/CONS di Agcom, effettuata ininterrottamente a partire dal 2009 e ai procedimenti di verifica avviati in seguito alle segnalazioni degli operatori su presunte inottemperanze di TIM ai pre- detti impegni, si è ampliata significativamente l’area di attività relativa all’attuazione del Piano di lavoro annuale a supporto di Agcom.

È proprio questa terza area a rappresentare un aspetto di novità impor- tante per l’Organo di vigilanza, che da organismo deputato a vigilare su taluni impegni dell’incumbent ha via via acquisito competenze che, anche in virtù dell’esperienza tecnica maturata, lo hanno reso in grado di fornire un qualificato contributo ad Agcom sia nella definizione della sofisticata strumentazione necessaria a verificare il rispetto dell’obbligo di non discriminazione, sia nella verifica del livello qualitativo dei servizi forniti da TIM Wholesale agli operatori.

A tal proposito, quanto avvenuto nel Regno Unito conferma la necessità di prestare la massima attenzione alla qualità della rete di accesso, senza trascurare nel contempo la parità di trattamento. Infatti, dopo 10 anni di un modello basato sull’Equivalence of Input, nel 2015 BT, stimolata dal regolatore Ofcom, ha presentato un nuovo insieme di Impegni atti a garantire ad Openreach una maggior autonomia di governance ed un livello più elevato di investimenti sulla rete di accesso in fibra, pur mantenendo tutti gli attuali obblighi di non discriminazione.